Il mio protocollo di produttività semplice e ad alto impatto

By Pierpaolo Alessio on 26 Marzo 2022 — 3 mins read

La maggior parte delle giornate lavorative, le trascorriamo occupandoci di impegni e distrazioni. Non è necessariamente una cosa negativa, il lavoro frenetico e le distrazioni possono essere modi adorabili per trascorrere il nostro tempo. Ma a volte vogliamo usare il nostro tempo in modo potente ed efficace.
C’è un metodo che uso per lavorare con maggiore impatto, ma bisogna partire dall’inizio.

Immagina un protocollo facile da seguire che ti farebbe fare di meno ogni giorno, ma che possa avere un impatto maggiore. Chiediti se saresti disposto ad affrontare qualche disagio per questo.

Concentrarsi sul fare di meno, ma sull’avere un impatto maggiore.
E naturalmente, devo ancora prendermi cura delle cose più piccole della vita, in modo che tutto non diventi un pasticcio.

Ecco il protocollo che cerco di seguire:

Scelgo i compiti ad alto impatto.
Sblocco quelle attività con sessioni di concentrazione, che a me piace chiamare romanticamente “astrazioni”, ma l’app che uso le chiama Focus Session.
Creo routine per cose più piccole ma importanti che devono essere curate.
Questo mi dà più spazio durante la giornata, meno sensazione di sopraffazione e la sensazione di avere un impatto significativo con il tempo che trascorro a lavorare.

Il mio protocollo è fatto tre elementi.

1. Scelgo attività ad alto impatto

All’inizio della settimana e all’inizio di ogni giorno. Scelgo intenzionalmente le attività ad alto impatto prima di iniziare la settimana o il giorno.

Ogni settimana penso a cosa voglio ottenere. Su quali attività ad alto impatto mi concentrerò? Poi faccio lo stesso all’inizio di ogni giornata: quali compiti ad alto impatto voglio svolgere oggi?

Per decidere se qualcosa è un compito ad alto impatto, mi chiedo:

  • È in linea con ciò che voglio creare a lungo termine?
  • Avrà un grande impatto sulla mia vita e su quella degli altri?
  • Me ne preoccuperò alla fine di quest’anno? Cambierà il mio senso sdi soddisfazione dell’anno?

È probabile che la risposta sia Sì o No per tutte e tre le domande. Sarebbe raro un Sì per una domanda e un No per le altre. Ma queste domande aiutano ad allenare la mente sui compiti ad alto impatto, quindi dopo un po’ non devo nemmeno chiederle: posso semplicemente semplicemente dirlo a me stesso.

Metto 1-3 di questi in cima alla tua lista ogni giorno (si, lo faccio sul mio bullet journal, ma questa è un’altra storia).

2. Sblocco attività ad alto impatto con sessioni di astrazione

È probabile che questi compiti ad alto impatto creino resistenza o attrito. Quindi le persone, me compreso, li rimandano e li vedo respinti settimana dopo settimana.

Il modo per chiudere questi talk è farlo con una sessione di concentrazione, l’app che uso le chiama Focus Session e lo faccio anche io. Creo una Focus Session ogni giorno. È qui che affronto intenzionalmente il disagio di questi compiti e mi ricordo perché sono importanti.

Ancora meglio: se mi trovo a rimandare un’attività ad alto impatto più di una volta, pianifico una Focus Session con almeno un’altra persona. Partecipo a una videochiamata per un’ora, raccontandoci a vicenda su cosa ci concentreremo e poi disattivo l’audio. Porto a termine l’attività e riferisco alla fine dell’ora come è andata.

Questo funziona ogni volta, e ringrazio il mio sparring partner preferito.

3. Crea rituali per prendersi cura di cose più piccole e importanti

Concentrarsi sui grossi task è fantastico, ma quello che molte persone trovano difficile è che se ti concentri esclusivamente sulle grandi rogne, le piccole cose iniziano a cadere tra le crepe. Le tue email si accumulano, le persone iniziano a sentirsi frustrate, inizi a deludere le persone.

Quindi, come bilanciare le grandi rogne con le piccole cose di cui bisogna prendersi cura?

Rituali. Creare un rituale o una routine per ogni tipologia di piccole cose e metterlo sul calendario. Ad esempio, ho routine per:

  • Email e messaggi ogni giorno
  • Cura delle piante, pulizie domestiche, commissioni
  • Allenamenti, meditazioni, passeggiate
  • Finanze, tasse, roba amministrativa

Di solito ho il giovedì dedicato a amministrazione e finanze (mezza giornata). 30 minuti due volte al giorno per e-mail/messaggi. Meditazioni (ehm) o passeggiate mattutine e allenamento subito dopo il lavoro.

Con questi rituali (e le routine dopo un po’ si trasformano in rituali veri e propri), le piccole cose importanti vengono curate, senza togliere tempo alle Focus Session, che a me però a fine giornata piace semrep chiamare “astrazioni” ma non ci credo nemmeno tanto io, visto che le metto tra virgolette.