Produttivista

By Pierpaolo Alessio on 13 Marzo 2022 — 1 min read

Prima di essere un minimalista, ero un “produttivista”. Mi chiedevo sempre come poter fare di più, essere di più e realizzare di più.

Vuoi leggere venticinque pagine ogni giorno? Sì, per favore! Puoi svegliarti presto ogni mattina? Ci sto! Ti interessa camminare 10.000 passi ogni giorno? Iscrivetemi!

La mia to do list non era realistica, eppure pensavo di essere io il problema.

Il problema è che pensavo che aggiungere di più fosse sempre meglio, senza nemmeno mettere in discussione cosa o perché stavo aggiungendo.

Perché vogliamo quel nuovo telefono? Ne ho bisogno?
Quella nuova camicia ci renderà simpatici alla gente? Più dì quelle che ho già nell’armadio?
In che modo quel nuovo orologio ci renderà completi? Spoiler: non lo farà.

Possiamo comprare tutti gli strumenti di organizzazione del mondo, ma il modo migliore per organizzare è sbarazzarsi delle cose superflue prima.

La vita diventa meno affollata quando ci sono meno cose da fare, impegni, appuntamenti e richieste in agenda. Quando abbiamo il tempo di fare ciò che vogliamo, non facciamo competere le nostre priorità con compiti banali.

Meglio ancora, lasciare andare ci permette di respirare.

Lasciar andare mi permette di trovare gioia nel leggere, svegliarmi presto e camminare, senza una to do list sempre al mio fianco.